Approfitta
della promo
Rinfresca, mantiene asciutta la pelle e
la difende dalle punture di insetti.
Scopri di più
borsa unico
Approfitta
della promo
Con 20euro di spesa riceverai in OMAGGIO il beauty Mamà e Bebè
 
borsa unico
N5 AL,
Ideale fin dalla nascita
Indicato per la gestione dietetica dell'allergia alle proteine del latte vaccino e/o della soia.
 
Scopri di più
Unico,
Box Coccole
Il piacere delle coccole di 14 prodotti della
linea Unico Sterilfarma più la borsa in omaggio
 
Scopri di più
Lattoferrina forte,
per il tuo sistema
immunitario
Contiene vitamina d3 e zinco per il buon
funzionamento del sistema immunitario
 
Scopri di più
Alto profilo di
sicurezza
DPI, dispositivi medici
ed igienizzanti
 
Scopri di più
Iscriviti alla
nostra newsletter
Riceverai tanti sconti ed omaggi
per te e il tuo bambino
Iscriviti subito
N5 2 polvere
Prosegui nella giusta direzione!
Scopri di più
Sterilimmun
Difendi chi ami.
Scopri di più
Omaggi e sconti

premiamo i nostri clienti

Consegna in Italia

evasioni in 24/48 h

Customer Care

assistenza pre e post vendita

Pagamenti sicuri

certificati di pagamenti sicuri

 

Gravidanza e primi mesi

La gravidanza: il sogno di ogni donna! In questa sezione troverai utili suggerimenti e preziose informazioni su come restare incinta velocemente e sulle fasi della gravidanza.

leggi di più
Sterilfarma

I consigli del pediatra

Dall'Alimentazione al Benessere psicofisico, dalle scelte sostenibili ai consigli per le Mamme e i Neonati fino ai suggerimenti per il Tempo Libero: noi di Sterilfarma siamo con voi in ogni tappa del vostro straordinario cammino di genitori.

Parola di Mamma Aggressività nei bambini 12-36 mesi: perché (a volte) il mio bambino alza le mani?

Ti alzi un mattino di un giorno qualunque e all’improvviso ti accorgi che il tenero batuffolino si è trasformato in un bambino ribelle, ti ha appena dato un morso sulla mano e fa capricci in maniera ostinata. Le coliche sembrano essere passate. I primi dentini sono spuntati. La cacca l’ha fatta. Oddio! Cosa sta succedendo al mio piccolo fagottino? Perché fa così? Alcuni genitori si spaventano ad osservare un cambiamento così repentino nel proprio bambino e allo stesso tempo si sentono in colpa, perché temono che gli atteggiamenti aggressivi manifestati, possano essere stati ‘emulati’ da possibili discussioni in casa. Non è così. O almeno non sempre. Si tratta di un’aggressività assolutamente funzionale, in linea con la fase di crescita del tuo bambino. Quindi mettiamo da parte i sensi di colpa e arriviamo al cuore del problema. Capiamo le motivazioni principali che spingono “sporadicamente” un bambino così piccolo a provare ad alzare le mani o a tirare un calcio verso qualcuno. Nessuna soluzione, né facili rimedi, né tantomeno una bacchetta magica a portata di mano: lo scopo di questo articolo è provare ad offrire qualche utile spunto su come orientare in maniera positiva e produttiva, l'energia spesso incontrollata del bambino. Cause aggressività nei bambini tra 12 e 36 mesi: la scoperta dell’altro e l'incapacità di esprimersi Tranquilli che non state crescendo nessun piccolo vandalo! Due sono principalmente le motivazioni che inducono i bambini a manifestare atteggiamenti di rabbia. Scoperta della relazione causa-effetto: “Fammi capire cosa succede se tiro un pugno” L'aggressività nei bambini nella fascia 1/3 anni è molto più diffusa di quanto si creda: tirare uno schiaffetto o i capelli a mamma e papà, rientra tra i comportamenti funzionali alla scoperta della propria fisicità, emozioni e del mondo esterno. Siamo di fronte a un atteggiamento esplorativo verso l’altro da me. Tramite l’azione, i bimbi più piccoli sperimentano i rapporti di causa-effetto, la relazione tra azione-conseguenza. Ecco perché noi adulti dobbiamo essere sempre coerenti quando stabiliamo una regola. Ma non solo. Affinché la regola abbia effettivo valore, è indispensabile che venga condivisa da tutti gli educatori e/o da coloro (nonni, babysitter ecc.) che si prendono cura del bambino nella quotidianità. Difficoltà di manifestare sentimenti: “Non so dirlo. Agisco” Che si tratti di un adulto o un bambino, gli atteggiamenti aggressivi celano quasi sempre un possibile disagio. Nel caso dei più piccoli, non avere a disposizione gli strumenti necessari per esprimere verbalmente ciò che si prova, è senza dubbio uno dei motivi principali che inducono ‘ad agire’. La rabbia è un mix di emozioni molto forti e riconoscerla è un’impresa assai ardua. In casi come questi, il nostro obiettivo è aiutare il bambino a riconoscere i sentimenti e a gestire meglio gli impulsi. Ricordiamoci che non esistono emozioni belle e brutte, giuste o sbagliate. Sono tutte necessarie al fine di raccontarsi. Ciò che può apparire disfunzionale è piuttosto la modalità e il momento in cui queste vengono adottate. “Se sei nervoso non devi reprimere la tua emozione, ma non è corretto agire in questo modo per esprimerla. Troviamo un modo alternativo per manifestarla diversamente”. Come comportarsi quindi nei confronti dei bambini piccoli che alzano le mani? Comprendere che atteggiamenti di rabbia siano in realtà la manifestazione di una difficoltà ad esprimere le emozioni, non significa che noi adulti dobbiamo ignorare quanto accade. L'assenza di regole determina ingenti danni, anche emotivi, nei confronti dei nostri figli. Ecco cosa fare –o meglio- come sarebbe giusto intervenire. Come placare la rabbia dei più piccoli? 7 regole per genitori (ed educatori) Osservare la frequenza e le occasioni: quando accadono questi episodi? Il bambino diventa irascibile quando siamo soli o in presenza di altri? Prima di andare a letto o in un altro momento particolare della giornata? Si tratta di episodi occasionali o frequenti? Tenere d’occhio la frequenza e l’occasionalità degli eventi, può esserci di aiuto per comprendere se si tratta di un atteggiamento fisiologico o a una manifestazione legata a un momento/periodo di disagio. Collaborazione e condivisione: se tuo figlio adotta questi atteggiamenti aggressivi anche al nido o alla scuola di infanzia, allora è necessario parlarne con le educatrici e allearsi, condividendo il medesimo progetto educativo. Il bambino deve sapere che se si comporta in questo modo in famiglia o a scuola, riceverà sempre lo stesso tipo di reazione dagli adulti.Non premiare mai la prepotenza: se tuo figlio ha conquistato un gioco con la forza, va subito restituito all’amichetto che ha ricevuto il danno. Se picchia, è necessario allontanarlo nell’immediato e provare a spiegargli i vantaggi nell’adottare un atteggiamento positivo/alternativo: “Ora ti tolgo la palla perché non sai ancora usarla bene e la lanci contro i tuoi amici. Quando imparerai te la restituirò e potrai ricominciare a giocare con loro”.Non ricorrere alla violenza: se il nostro scopo è insegnare a nostro figlio a non ricorrere ad atteggiamenti violenti per manifestare rabbia e frustrazione, noi adulti non possiamo di certo assumere comportamenti aggressivi. In questo modo infatti, gli stiamo solo insegnando che è così che si fa quando si è arrabbiati o vogliamo imporci su qualcuno. Come scritto nel punto precedente, allontaniamo subito il bambino in preda a uno scatto di rabbia, aspettiamo che si calmi e proviamo a farlo ragionare. Se ci scappa una sculacciata proviamo piuttosto a chiedere scusa al piccolo. “Scusa. La rabbia ha preso il sopravvento e mi dispiace. Dobbiamo migliorare tutti e due".Ignorare se per esibizionismo: se tuo figlio si dimena a terra tra urla e calci, ma sei ormai certo che lo fa esclusivamente per attirare l’attenzione, può tornare utile in questo caso ignorarlo anziché intervenire. In questo modo imparerà che questa sua provocazione è stata del tutto vana.Non assecondare: la violenza non va mai tollerata. Anche se alza le mani per gioco, bisogna sempre evitare di ridere o stare al gioco.Dare il buon esempio: mostrarsi calmi e placati, nonostante lo stress e le preoccupazioni quotidiane alle quale siamo sottoposti, non è sempre facile. Ma se vogliamo ottenere qualcosa contro l’aggressività dei nostri figli, cerchiamo prima di tutto noi di essere meno furiosi e impazienti. La rabbia può essere sostituita dalla temerarietà e fermezza dei toni. Mantenere il punto senza alzare la voce (anche se è l’ennesima volta che gli diciamo di smettere di buttare all’aria i giochi) rappresenta la prova che è possibile farsi valere senza gridare. Infine: non sottolineiamo solo i momenti in cui è monello, ma evidenziamo anche le occasioni in cui il nostro piccolo si è comportato bene perché ha rispettato le regole. È sempre bello sentirsi dire: “Bravo, siamo fieri di te!” Il consiglio in più: leggere insieme In giro trovi tante letture gradevoli e simpatiche sull’aggressività dei bambini, da leggere insieme ai propri figli. I colori delle emozioni di Anna Llenas, è un libro carinissimo che aiuta il piccolo a familiarizzare con i propri sentimenti, oppure “Non si picchia, Anna!” di Kathleen Amant, è un libro che vede come protagonista una bambina che compie qualche marachella di troppo verso il suo amichetto. Insomma, leggere insieme delle storie sull’argomento e condividere uno spazio con il proprio bimbo birichino, è sempre una soluzione utile e un’ottima occasione per stare insieme.

Leggi di più
Mamme e neonati Stipsi Neonato e Dischezia: Differenze, Cause e Possibili Rimedi

Come capire se un neonato è stitico? Se ti accorgi che al momento dell’espulsione si sforza un po’ di più nella spinta, piange o diventa rosso in viso, non significa necessariamente che il piccolo soffra di stipsi.  In età pediatrica infatti, non esistono parametri assoluti relativa alla stitichezza del neonato.   Il numero delle evacuazioni non è ad esempio un fattore determinante nell’individuare una possibile stipsi. Più che considerare la frequenza è infatti importante notare la consistenza delle feci e la continenza fecale. Se le feci del tuo bambino, nonostante la difficoltà di defecazione, rimangono tuttavia morbide e ben idratate, non ci troviamo di fronte a un caso di stitichezza.   È normale che il neonato non faccia la pupù tutti i giorni?  Siamo di fronte a una domanda molto comune, alla quale rispondiamo secondo le indicazioni fornite dall’Opuscolo del National Childbirth Trust inglese.  Se nelle prime settimane un neonato non evacua tutti i giorni, potrebbe essere un segnale indice del fatto che il piccolo non si stia alimentando in modo adeguato alle sue esigenze, e che potrebbe avere bisogno di nutrirsi di più. Un fenomeno comune soprattutto nei bimbi allattati al seno. In questo caso, rivolgersi al pediatra e/o a un consulente di allattamento, è utile per comprendere se c’è bisogno di correggere eventuali errori.  Dopo qualche settimana di vita del bambino, la frequenza delle defecazioni può ridursi in maniera notevole, fino ad arrivare a 1 volta al dì o 1 volta ogni 2/3 giorni nell’arco delle 24 ore. Se il tuo bambino è sereno e le feci restano molli e di colorito giallo, non devi assolutamente allarmarti.  Al contrario, se si superano i 3/4 giorni, il bambino avverte disagio ed esprime malessere, può darsi che stia facendo effettivamente fatica ad espellere le feci, perché non ha ancora maturato il corretto coordinamento tra la spinta e il rilascio dello sfintere anale (dischezia). In questo caso, è opportuno consultare il Pediatra per indicarti come intervenire.  Stitichezza e dischezia neonatale: facciamo chiarezza  Si tratta di due disturbi differenti e non correlati.   Stipsi nel neonato  Nel primo anno di vita, nella stragrande maggioranza dei casi si tratta di un'alterazione funzionale (stipsi funzionale) che ha origine prevalentemente alimentare e che coinvolge soprattutto i neonati che assumono latte artificiale (fonte: Ospedale Pediatrico Bambino Gesù).    Ecco perché il tuo Pediatra potrebbe richiederti di apportare modifiche alla quantità/tipologia di latte. Passare ad esempio a un latte arricchito con probiotici o ad un latte ricco di particolari formulazioni di grassi (entrambi presenti naturalmente nel latte materno), contribuiscono a rendere le feci meno compatte e quindi più facili da espellere.   Le feci di un neonato stitico appaiono secche, dure e difficili da espellere.   Dischezia nel neonato  La dischezia nei neonati invece, dipende esclusivamente dall’immaturità del sistema escretore.  Si tratta di un disturbo funzionale che determina una defecazione particolarmente difficile e che in genere si risolve nei primi mesi di vita.  Ecco perché il piccolo piange, diventa paonazzo in viso e si sforza più del dovuto: ciò è causato dalla mancata coordinazione tra i muscoli del pavimento pelvico e gli sfinteri anali. Questo significa che le feci rimangono trattenute nell’ampolla rettale, provocando dolore.   A differenza di quanto avviene nell’ambito della stitichezza, le feci in caso di dischezia, restano molli e possono anche essere numerose nell’arco delle 24 ore.   Come accennato in precedenza, dal momento in cui la dischezia ha origine funzionale e non alimentare, non sarà necessario apportare alcuna modifica alla dieta del lattante, in quanto tutto è riconducibile a un apparato escretore poco maturo.  Come rilassare il neonato che ha difficoltà ad evacuare?  Massaggio infantile e ginnastica stimolante: in caso di stipsi o dischezia neonatale, un massaggio stimolante al pancino può essere un valido alleato. Posiziona il piccolo supino e nudo, in un ambiente caldo, e massaggia con movimenti circolari e un olio per neonati il pancino. Dopodiché prendi le gambine e muovile come se volessi farlo pedalare, portale al petto e distendile. Attenzione però: si tratta di un massaggio specifico con manovre ben precise, indicato per superare disturbi gastrici e intestinali, favorire la qualità del sonno, stimolare la coordinazione motoria e correggere la postura con la distensione dei muscoli. Segui quindi attentamente le indicazioni del pediatra e di personale esperto prima di eseguire un massaggio neonatale!  Bagnetto: il bagno caldo è un ottimo rimedio che potrebbe contribuire a rilassare il piccolo e favorire così l’espulsione delle feci. (Leggi anche: Bagnetto neonato, quando e come farlo)  Scopri l’ampia gamma di prodotti Sterilfarma per favorire il benessere gastrointestinale di adulti e neonati. Attenzione: richiedi sempre il parere del Pediatra prima di qualsiasi tipo di intervento/somministrazione di prodotto nel lattante.  

Leggi di più